Trasferimento blog su nuovo sito

Il blog è trasferito a: www.economialiberta.com

FREE REPORT

Comprendi le ragioni storiche ed economiche per cui siamo giunti al punto di non ritorno. Ricevi subito il Free Report "Essere Pronti".

..clicca sull'immagine e inserisci la tua email:



Se vuoi, lascia il tuo feedback sul Report a commento di questa pagina. 
Grazie
il Team di Riecho Economia e Libertà


Nella fase terminale della caduta dell'Impero Romano, il maggior peso per il cittadino medio erano le ingenti tasse che era forzato a pagare.
Le "riforme" fiscali dell'Imperatore Diocleziano nel III secolo erano così dure che molte persone furono spinte alla fame e la bancarotta. Lo stato arrivò al punto di perseguitare vedove e bambini per incassare le tasse dovute.

Nel IV secolo, l'economia dell'impero era così depressa e la struttura fiscale così distorsiva che molti agricoltori abbandonarono i loro terreni per ottenere i sussidi statali.
In quel momento, il governo imperiale spendeva la maggior parte dei proventi delle tasse per sussidi pubblici e spese militari. Secondo lo storico Joseph Tainter per un certo periodo coloro che vivevano di stato erano più numerosi di coloro che lo finanziavano con le tasse.
Mmm.. vi ricorda qualcosa?

Nel V secolo, le rivolte fiscali erano all'ordine del giorno nelle campagne, tra i pochi agricoltori rimasti. Il governo di Roma doveva continuamente inviare le sue legioni in giro per l'impero a sedare le rivolte contadine.
Tutto ciò però non evitò che le tasse continuassero ad aumentare.
Valentiniano III, che nel 444 D.C. osservò che ulteriori tasse sui proprietari di terra e mercanti sarebbero state catastrofiche, impose un aumento del 4% della tassa sulla vendita.. e infine decretò che tutte le transazioni commerciali dovessero essere fatte alla presenza di un esattore delle tasse.

Sotto un regime di quel tipo, sia i ricchi che i poveri si augurarono fortemente che le orde barbariche potessero liberarli dal fardello fiscale di Roma.

Zosimo, uno storico bizantino vissuto nella seconda metà del V secolo, arguì che "come risultato di questa imposizione di tasse, le città e le campagne erano piene di lamenti e proteste, e tutti.. chiedevano l'aiuto dei barbari".

Nel suo libro Decadent Societies, lo storico Robert Adams scrive: “[B]y the fifth century, men were ready to abandon civilization itself in order to escape the fearful load of taxes.”

E' probabile che tra 1000 anni, i futuri storici scriveranno le stesse cose su di noi.
Nel declino economico di ogni civiltà, l'elite politica agisce sempre secondo uno schema ben preciso: più debiti, più regole, maggiore restrizione alla libertà individuale, più svalutazione monetaria, più tasse, e più uso della forza.

E la macchina della propaganda entra in azione, assicurando che i cittadini vengano ingannati dal fervore patriottico e non si accorgano di essere depredati dallo stato.


Che si tratti di tassazione diretta nella forma di furto legalizzato, o indiretta nella forma di inflazione monetaria, queste tattiche sono state usate per millenni al fine di mantenere privilegi per pochi, alle spese di tutti gli altri. Questa volta NON è diverso!

Il debito pubblico dell'Italia non è sostenibile, come non lo è quello della maggior parte dei paesi occidentali (Stati Uniti compresi).

.
I governi continueranno a non essere in grado di piazzare il proprio debito a rendimenti sostenibili e non saranno più in grado di finanziare le spese dello stato. L'unico modo che avranno per prolungare ancora lo status quo sarà la confisca diretta del patrimonio dei propri cittadini, l'introduzione di misure di controllo dei capitali sempre più stringenti, e confisca indiretta tramite l'inflazione.


Il nostro Free Report "Essere Pronti" è il risultato di più di un anno di blog e spiega le ragioni storiche, economiche e sociali per cui siamo giunti al punto di non ritorno
.


Ricevilo iscrivendoti alla mia Newsletter. 

18 commenti:

  1. Bravo, anzi bravissimo!
    Non concordo su una cosa sola: i 1000 anni.
    Li abbasserei a 100.

    RispondiElimina
  2. Nei giorni scorsi ho letto il Free Report di Riecho. Lo trovato un documento decisamente incisivo, scorrevole ed accessibile a tutti.

    Un saluto,
    Gerardo

    RispondiElimina
  3. Ho letto il report tutto d'un fiato e, con sgomento, ho capito che sapevo molto ma non abbastanza, e per questo non posso che ringraziarVi. Ora provvederò ad attrezzarmi, ed anche alla svelta.

    Riccardo

    RispondiElimina
  4. Ho letto il report, veramente ben fatto, appassionante, ottimo il filo del discorso e lo stile di narrazione, bello anche nell'impaginazione; l'ho letto tutto d'un fiato.
    Inutile dirti che condivido tutte le tue riflessioni e il modo con cui le hai articolate. Inoltre hai veramente una bella penna.
    Davvero tanti tanti complimenti!

    Maurizio Mazziero
    (Mazziero Research)

    RispondiElimina
  5. Vendere proprieta, comprare oro fisico e valuta straniera, mettersi in regola con i documenti di viaggio, aprire conti all'estero e magari anche una attivita'

    RispondiElimina
  6. Anzi la cosa sarà peggiore. Sta scoppiando la "bolla" ideologica per cui tutti erano convinti di poter vivere alle spalle di tutti gli altri.

    RispondiElimina
  7. Qualche nota:
    Pag 1, non c'era la ghigliottina nel medioevo... ma ho capito il senso...

    Ci sono alcune cose che secondo me andrebbero approfondite; prima di tutto un appunto, la classe dirigente attuale ha mediamente 70 anni, vogliono solo non perdere i privilegi accumulati, mandano avanti la baracca ancora un po' di anni e poi a chi ci rivolgiamo?
    Il debito statale e' terribile ma non ingestibile, infatti il problema sta' nel salvataggio del mondo finanziario, le banche sono impestate di crediti inesigibili, gli stati non possono permettersi il fallimento della struttura finanziaria (anche perche le banche hanno la maggior parte dei titoli di stato in pancia loro) e cosi' intervengono cercando di scaricare i debiti sui risparmiatori. Il problema reale purtroppo e' che non hanno capito che la struttura finanziaria e' piu' grande del pil stesso, quindi non si puo' salvare.... Io ho gia' delocalizzato 16 anni fa', no credo piu' in un recupero della competivita Italiana, non abbiamo materie prime, non abbiamo fonti energetiche, non possiamo stampare nemmeno moneta... siamo una colonia periferica... La nostra classe dirigente e' inetta, la popolazione abulica, i cervelli che contano stanno trasferendosi, l'unica salvezza sarebbe il turismo ma dubito che riusciremo a svilupparlo seriamente...
    Ho creato qualche anno fa' le mie idee sulla prossima crisi (quella attuale) http://www.propheties.it/crisifinanziaria.htm
    L'ho gia' modificata alcune volte, ma e' ancora troppo ottimista... Anche qui (in UK) siamo messi male, non a livelli Italiani ma comunque se se cartagine piange roma non ride... Mi stanno rimandando la pensione di anno in anno, adesso dovrei aspettare fino al 2022 (cioe' avrei versato contributi per 46 anni)poi sperano che schiatti.... illusi, li seppelisco uno ad uno....
    Buona fortuna!

    RispondiElimina
  8. Letto il report devo ringraziare per la condivisione di questo punto di vista (che condivido in massima parte).
    Non e' rassicurante ma il cambiamento non lo e' mai per via dell'abitudine umana all'attaccamento allo status quo che e' semplicemente innaturale. L'equilibrio naturale poggia sul cambiamento e dobbiamo mettercelo in testa ed accettarlo anzi ricercarlo.
    Spero anche che una maggiore consapevolezza di questi temi aiuti la formazione di un pensiero comune che si basi non solo sul cercare una "salvezza" individuale (peraltro irrealistica) ma anche sulla naturale spinta umana alla cooperazione e alla solidarieta' senza cadere nella paura e nel panico. Questo credo di aver percepito tra le righe finali del report.
    Grazie!

    RispondiElimina
  9. Bravo, OTTIMO Report! Finalmente avviano a nascere/crescere siti come questo in cui anche il 99% delle persone che non si rendono conto di ciò che sta accadendo, possono documentarsi ed informarsi. A volte però la conoscenza ti fa paura in quanto scopri cose brutte, molto brutte , e ti senti impotente...... ed è allora che ti chiedi se fosse stato meglio "...andare a letto da ignoranti......invece di SAPERE!!".....ovviamente la vera sfida non è conoscere la Verità ... ma avere il coraggio di affrontarla! Faccio i miei complimenti all'autore che vedo impegnato nel diffondere con passione cose così tanto belle.
    Marco Bosco

    RispondiElimina
  10. bellissimo e utilissimo lavoro, complimenti!

    RispondiElimina
  11. Così come la fisica ha le sue Leggi, anche l'umanità ha le sue.

    I legge
    I cretini non sanno di esserlo (sono cretini, per cui gli mancano le capacità cognitive e logiche in grado di renderli consapevoli dei loro errori di valutazione)

    II Legge
    La madre dei cretini è sempre in cinta (da cui ne deriva che la grande maggioranza della massa è costituita da cretini)

    Come conseguenza logica delle due Leggi deriva l'aforisma enunciato dal Machiavelli: "quando un problema si può ancora risolvere sono in pochi a vederlo, quando lo vedono tutti, è troppo tardi per poterlo risolvere".

    Se ne deduce quindi che "crisi" e "collassi" economici e sociali sono inevitabili perchè gli sforzi della minoranza non cretina di far capire cause e soluzioni del problema alla maggioranza cretina sono destinati all'insuccesso.

    RispondiElimina
  12. perchè no te se 'mazzi!!!???

    RispondiElimina
  13. Sono un analista finanziario indipendente di 57 anni.
    Se volete sapere di più da una fonte non ortodossa e non allineata su denaro, banche, globalizzazione e default, chiedetemi gratis a questa mail i miei ultimi 2 saggi. Ve li mando gratis in pdf. Capirete molto di questa crisi e di Mario Monti.

    studio-lodi@tsc4.com

    Enrico l'analista - anal. fin. indip. - opinionista economico x la SBS TV di Sidney

    RispondiElimina
  14. Ma dopo il default si potrà ripartire in modo sostenibile?

    RispondiElimina
  15. Buongiorno,
    ho letto il free report e l'ho trovato mediamente interessante, niente che non fosse già noto e comprensibile a chiunque abbia un minimo di lucidità.
    In un punto fondamentale non mi trovo d'accordo con lo scrittore: dire che noi giovani non abbiamo usufruito degli sperperi degli anni passati (decenni dal 70 ad oggi, vedi pag. 21 del free report) è totalmente infondato ed in mala fede; ne hanno usufruito/goduti chi, dunque? i nostri nonni e genitori...quindi NOI tutti. Ci hanno permesso di studiare, non dover lavorare a 10 anni come hanno dovuto fare loro, ci hanno dato (per chi ci è riuscito e si è dao da fare) un tetto per dormire, a volte ci hanno fatto vedere qualcosa del mondo, con o senza di loro, ci hanno nutrito e vestito molto meglio di come era stato possibile per loro. Non solo, ci hanno permesso un sistema sanitario decente, uno scolastico ed universitario facilmente accessibile ed economico (vedi università in ogni cittadina) ecc. ecc.
    Non bisogna solo vedere ciò che è rimasto nel conto corrente
    . Quindi non diciamoci fesserie, degli sprechi e del vivere sopra le nostre possibilità ne abbiamo goduto tutti, e continuiamo a farlo. e' conseguenza naturale che tutti ne paghiamo il conto. Chi vuole andare via, chi vuole evadere le tasse, chi fa tutte queste belle cose, si sta parando il culo, ma non dica che ciò che deve pagare non sia dovuto. Chiaramente si sarebbe potuto sprecare meno ed ottimizzare i conti ecc, ma che ci vuoi fare...la classe politica rispecchia la popolazione in un paese democratico. più o meno.
    basta mi sono stancato.
    saluti

    RispondiElimina
  16. Complimenti per il blog.

    Michele Zucal

    RispondiElimina
  17. A me sembra che stanno cercando di vendere oro. Come cittadini dello stesso pianeta mi auguro per me e per loro che io mi sto sbagliando. Non vedo in realtà niente di speciale in questo materiale. Quello che serve secondo me;

    1. Un controllo demografico della popolazione, in termini di numero massimo individui, a livello planetario.

    2. Sviluppo di energie rinnovabili per tutti

    Dopo di che ogniuno di noi può andare dove vuole ma la soluzione non è scappare o comprare metalli rari.

    Ciao a tutti

    RispondiElimina
  18. Sergio Sebastiani, io non sono un economista ma ritengo verosimile invece la visione del free report, al di la del fatto che loro cerchino o non cerchino di vendere oro.
    Quello di cui ti posso assicurare invece, essendo ingegnere, è che il tuo punto 2, se per energie rinnovabili non inserisci il nucleare (fissione e fusione che siano) è una stronzata perchè per varie ragioni tecniche e scientifiche che non è il caso di approfondire qui e che comunque rigetteresti (ho già avuto molte discussioni in cui venivano portati gli argomenti piu assurdi a sostegno del fisicamente insostenibile) non saranno mai in grado di fornire sufficiente energia alla popolazione mondiale, a meno che il limite demografico di cui al punto 1 sia poco superiore alla popolazione mondiale del medioevo.
    Nel qual caso potrsti aver trovato la via per la decrescita "felice" , e cioè quella indicata nel free report e sostenuta anche dalla energie rinnovabili

    RispondiElimina